venerdì 3 febbraio 2012

TiDi bibi

{TiDi} 
è un diario terapeutico

Cos'è un diario terapeutico? Un notebook sul quale si annota, si scrive, si scarabocchia, si sogna, si dipinge, si incolla, si collezionano frammenti di vita, monetine, conchiglie, biglietti del treno, del museo, dello spettacolo, scontrini, foto, ritagli di giornale, ricette, citazioni, poesie, foglie, biglietti di auguri, idee, ispirazioni, incontri, frasi colte al volo, voli della mente, mentine scadute, scadenze dimenticate, ricordi rammentati, rammendi disfatti, fatti, misfatti, fatture, spilloni e riti woodoo. Insomma, tutto quello che volete metterci.
Un TiDi è senza regole, va riempito a caso, senza tener conto di cronologie, spazi e possibili critiche. Un TiDi è personale e nulla di quello che vi viene riportato è destinato MAI ad essere letto, sfogliato o visto da altri, per cui garantisce una assoluta LIBERTà DI ESPRESSIONE, priva da condizionamenti. Non è necessario nemmeno osservare le regole grammaticali, lo si può scrivere in urdu a caratteri cirillici o in dialetto agropontino con l'alfabeto arabo; non è necessario completare le frasi o i pensieri, potete lasciarlo a metà e riprenderlo solo quando ne avrete voglia; non è necessario che sia a tutti i costi propositivo, gioioso o intelligente. Versatevi anzi dentro tutto quello che vi opprime, vi deprime, vi fa arrabbiare e vi amareggia. Succederà solo all'inizio, poi pian piano diventerà la vostra serra privata e vi sbocceranno fiori che non immaginavate. 
Vi capiterà di avere voglia di scrivere e di "non avere l'ispirazione": nessun problema, cominciate semplicemente descrivendo quello che avete intorno o le cose più banali che avete fatto in quel giorno qualunque; man mano vi si aprirà la mente e non vorrete richiuderlo. E' come aprire il proprio rubinetto creativo: dapprima sgorgherà acqua sporca, poi tenderete a mettere in ordine le vostre idee, aspirazioni, ispirazioni e ne nasceranno liste di desideri, determinazioni, buoni propositi, che sono il primo passo verso ciò che vogliamo diventare, o meglio, essere: noi stessi. Acqua cristallina.

Come per molte altre idee, anche per il TiDi l'ispirazione mi è arrivata da mia sorella D., che ne ha letto su un manuale scritto da un'americana che tiene anche "lezioni di compilazione del diario terapeutico" per gli artisti a corto di ispirazione in qualche università americana. A me sembra un pò in antitesi con l'idea stessa di diario terapeutico... ma l'umanità è piena di contraddizioni!!! :)))

Insomma, il TiDi nasce così. Il piatto di copertina superiore è realizzato in ceramica smaltata, dipinta e decorata a mano, quello inferiore è in cartoncino ricoperto di carta nepalese fabbricata e stampata a mano. La legatura è copta, uno dei primissimi sistemi di rilegatura del libro, risalente al II secolo d.C. All'interno, sei fascicoli, ciascuno di 48 pagine di carta bianca raccolte da un cartoncino più robusto.



















Se volete saperne di più (corsi e TiDi personalizzati): bibicosimo@libero.it

{Anche TiDi, come tutte le altre mie creazioni, è frutto della mia passione, della mia ricerca, della mia esperienza, delle mie sperimentazioni, della mia curiosità, della mia fatica, della mia fantasia e del mio amore. Vi chiedo pertanto di NON COPIARE. Rispettate il mio lavoro come io rispetto il vostro. Potete condividere il link indicando sempre la fonte, ma mai appropriarvi delle mie idee e delle mie fotografie.}

8 commenti:

  1. SONO SENZA PAROLE...FANTASTICO !!!

    RispondiElimina
  2. ......affascinante!!!!!....fin da ragazzina ho avuto un "TiDi"..ed è stato davvero terapeutico!!!...questo però è veramente originale, insolito e misterioro...insomma mi piace tantissimo ....complimenti!!!<3
    Tania

    RispondiElimina
  3. Fantastiche siete voi!!!! <3<3<3

    RispondiElimina
  4. Stupendo!!Ho sempre tenuto diari,specie da ragazza e ne ho sempre fatto l'uso che hai così ben descritto all'inizio,ma non erano così belli!Evoluzione dei tempi!:-))

    RispondiElimina
  5. ....le tue creazioni sono sempre ricche di poesia e grazia! Complimenti!
    anna

    RispondiElimina
  6. Non so se possa essere davvero terapeutico per artisti a corto di ispirazione...
    Era sicuramente terapeutico quando da ragazzina non riuscivo a tirar fuori la vera me stessa...
    Piuttosto oggi è terapeutico per me crearlo un TiDi...
    E lo faro' di sicuro!!!

    RispondiElimina
  7. Bravissima........!!!!!! :)

    RispondiElimina
  8. Complimenti!!! Sei bravissima
    www.cosedimya.blogspot.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...